E’ in libreria il volume (D)io allo specchio. Giovani e ricerca spirituale, a cura di P. Bignardi e D. Simeone.

La spiritualità è uno degli aspetti della sensibilità giovanile in rapido cambiamento. I giovani sembrano disinteressati a tutto ciò che – come afferma uno di loro – «non si vede e non si compra», eppure, dietro un’apparente indifferenza, si nascondono tante domande e una ricerca talvolta confusa, ma non per questo meno vera.

Che senso ha la vita? Che cosa dà valore all’esistenza? Come affrontare il limite e l’incertezza, di cui la recente pandemia e la guerra – mai avvertita così vicina – hanno costretto a fare esperienza? Sono alcuni degli interrogativi che agitano le coscienze giovanili, alla ricerca di sé, di armonia, di benessere interiore, di relazioni rasserenanti, di speranza per il futuro.

Anche Dio è parte di questo orizzonte: il suo nome si fa strada dentro emozioni, pensieri e stati d’animo che allontanano i giovani dalle religioni istituzionali e dai canoni della tradizione per intraprendere percorsi a tratti intimistici.

L’indagine, di cui si espongono i risultati in questo volume, mette in luce come, nella precarietà del presente, si possano intuire nuove direzioni del rapporto con la dimensione trascendente della vita.